1/07/2022

 Lettera inviata a mio padre da suo zio in Argentina, il 12 marzo 1976.  Dodici giorni prima del colpo di stato.



"Carissimo Carmelino

Ogni tanto quando ricevo qualche tua lettera non ti puoi immaginare l'allegria che provo nonché la nostalgia di rivedere i miei parenti diretti e la cara diletta patria.

Come sta la situazione nella repubblica Argentina è quasi impossibile pensare in un viaggetto per l'Italia.

Da circa due anni ha fatto un cambio così grande e disastroso che a noi costa molto credere che questa sia l'autentica Argentina."  

No comments: